Una Bellissima Storia…

Una Bellissima Storia…

Categories: Breastfeeding Today

Dr. Fedro Alessandro Peccatori Milano, Italia


Una bellissima storia, quella di Valentina e dei suoi due gemellini Alessandro e Lorenzo.
Una storia di amore dove vincono la determinazione e la bellezza quasi magica dell’allattamento e che ci insegna che le mamme hanno quasi sempre ragione.

Una storia che, tuttavia, conferma come il tema dell’allattamento dopo un tumore al seno resti un tabù.

Alcuni tra i medici che Valentina ha incontrato erano molto concentrati sulla malattia e non hanno saputo ascoltare. L’arte dell’ascolto è altrettanto importante dell’arte della parola e richiede tempo, apertura mentale, assenza di giudizio. È importante sapere che non ci sono controindicazioni mediche per una mamma che vuole allattare anche dopo un tumore della mammella. In uno studio che abbiamo pubblicato qualche anno fa, le mamme che allattavano i loro bambini avevano una prognosi addirittura migliore delle mamme che per vari motivi decidevano di non allattare.

È ben possibile che la mammella operata e irradiata produca meno latte di quella controlaterale. Diventa quindi importante che nel corso della consulenza sia chiarito che la produzione di latte anche da una sola mammella è sufficiente e che le proprietà del latte di mamma non sono sostituibili con nessuna formula.

Inoltre, allattare non vuol dire solo nutrire, ma anche creare una relazione unica con il proprio bambino che incide sul suo futuro sviluppo fisico e mentale e che offre alla mamma diversi benefici, pur nel caso di una pregressa diagnosi di tumore mammario.

Occorrono tuttavia risposte competenti e univoche da parte degli operatori sanitari.

Le mamme non dovrebbero fare lo slalom tra operatori sensibili e insensibili. Non dovrebbero sentirsi dire: “Bastano sei mesi di latte di mamma, il resto è un capriccio”. La medicina paternalista non dovrebbe più esistere, soprattutto quando si affrontano temi importanti come la salute riproduttiva della donna e l’allattamento. Inoltre, c’è bisogno di sostegno, perché la storia di Valentina ci insegna anche che allattare dopo un tumore mammario può non essere facile e che il ruolo delle associazioni e delle organizzazioni – come La Leche League – è fondamentale. 

Dal punto di vista prettamente oncologico è importante ribadire che la terapia ormonale per cinque anni riduce il rischio di recidiva, ma che è anche possibile, previa valutazione clinica, sospenderla temporaneamente per provare ad avere un bambino, per poi riprenderla dopo la gravidanza e l’allattamento.
A Gennaio 2020 si è concluso uno studio clinico internazionale (studio POSITIVE) che valuta proprio questa strategia e tra qualche anno avremo le risposte alle molte domande che le giovani donne con tumore mammario continuano a porre.

Ad una domanda abbiamo comunque già una risposta: si può allattare anche dopo l’operazione chirurgica e le cure per tumore mammario e non c’è alcuna ragione di negare alle donne e ai loro bambini questa opportunità.

 

Fedro Alessandro Peccatori è medico Oncologo e Ginecologo.

La sua attività clinica riguarda soprattutto donne affette da neoplasie ginecologiche e mammarie, con particolare attenzione ai loro problemi riproduttivi.
È stato uno dei pionieri dell’oncofertilità in Italia e ha un particolare interesse per la biologia e il trattamento delle neoplasie diagnosticate in corso di gravidanza e allattamento.
Dirige l’Unità di Fertilità e Procreazione in Oncologia presso l’Istituto Europeo di Oncologia IRCCS ed è il Direttore Scientifico della European School of Oncology, a Milano e Bellinzona.
Autore di 220 pubblicazioni, svolge attività didattica presso l’Università di Milano ed è co-editor di “Tumori Journal” e di “Journal of Human Lactation”.

È felicemente sposato dal 1990 con Giulia Bellettini, pediatra e Consulente professionale in allattamento IBCLC e insieme hanno allevato cinque figli, tutti allattati. Ama il suo lavoro, il mare, le lunghe passeggiate, e Giulia.


Bibliografia

The International Breast Cancer Study Group (IBCSG), POSITIVE study (Full version), 18 January 2018, https://www.youtube.com/watch?v=m2sDaj1PLaY (accessed 10 August 2020).

Linkeviciute A, et al. Breastfeeding After Breast Cancer: Feasibility, Safety, and Ethical Perspectives. Journal of Human Lactation February 2020; 36(1):40-43. doi: 10.1177/0890334419887723. Epub 15 November 2019. PMID: 31730386.

Sun Z, et al. Estimation of historical control rate for a single arm de-escalation study – Application to the POSITIVE trial. POSITIVE Steering Committee. Clinical Breast Cancer 2 June 2020; 53:1-7. doi: 10.1016/j.breast.2020.05.012. Online ahead of print. PMID: 32535486 Free PMC article.

Paluch-Shimon S, et al. ESO-ESMO 4th International Consensus Guidelines for Breast Cancer in Young Women (BCY4). Annals of Oncology 19 March 2020; S0923-7534(20)36363-8. doi: 10.1016/j.annonc.2020.03.284. Online ahead of print. PMID: 32199930.

Lambertini M, et al. Long-term Safety of Pregnancy Following Breast Cancer According to Estrogen Receptor Status. Journal of the National Cancer Institute April 2018; 1; 110(4):426-429. doi: 10.1093/jnci/djx206. PMID: 29087485 Free PMC article.

Pistilli B, et al. Chemotherapy, targeted agents, antiemetics and growth-factors in human milk: how should we counsel cancer patients about breastfeeding? Cancer Treatment Reviews May 2013; 39(3):207-11. doi: 10.1016/j.ctrv.2012.10.002. Epub 28 November 2012. PMID: 23199900 Review.

Azim HA Jr, Peccatori FA, de Azambuja E, Piccart MJ. Motherhood after breast cancer: searching for la dolce vita. Expert Review of Anticancer Therapy February 2011; 11(2):287-98. doi: 10.1586/era.10.208. PMID: 21342046 Review.

Azim HA Jr, et al. Breastfeeding in breast cancer survivors: pattern, behaviour and effect on breast cancer outcome. The Breast December 2010; 19(6):527-31. doi: 10.1016/j.breast.2010.05.018. PMID: 21078487 Free article.

Azim HA Jr, Bellettini G, Gelber S, Peccatori FA. Breast-feeding after breast cancer: if you wish, madam. Breast Cancer Research and Treatment March 2009; 114(1):7-12. doi: 10.1007/s10549-008-9983-7. Epub 29 March 2008. PMID: 18373190 Review.

You can print to paper or to a PDF file.

For best printing results, open the llli.org site in Google Chrome or Microsoft Edge. Although you can view the site well in any browser, printing from other browsers might not operate correctly.

1. Browse to the web document that you want to print.

2. Click the Print button that is displayed on the web page (not the Print command on the browser menu or toolbar).
This opens the browser print window. The window displays a preview of the document that will be printed. The preview might take a minute to display, depending on the document size.

3. In the Printer box, select the desired printer.
For example, if you are working on a Windows computer, and you want to print to a PDF file, select Save as PDF.

4. As required, configure the other options such as the pages to print.

5. Click the Print button.
If you are generating a PDF, click Save. You are prompted for the name and folder location to save the file.